Whatami di stARTT al MAXXI

Proposta vincitrice di YAP MAXXI 2011, Whatami è un arcipelago di aree verdi, una grande isola principale e numerosi altri spazi più piccoli, disposti nell’area esterna del museo romano.

Whatami è la corruzione di “What am I”, declinazione letterale del primo puzzle inventato nel 1767 dal cartografo ed incisore inglese John Spilsbury a scopo ludico-didattico per insegnare la geografia. Il gioco era composto da pezzi di legno opportunamente sagomati e si ispirava ai confini geografici delle terre emerse e delle catene montuose.
Una composizione, quella dei vincitori, i romani stARTT che vuole essere anche un omaggio alle mappe geografiche di Alighiero Boetti,a cui è dedicato il piazzale del MAXXI.

Grandi fiori in acciaio e resina forniscono ai visitatori ombra di giorno e luce di notte, dato che si accendono al calar della sera. Questi papaveri-tulipani così concepiti creano uno spazio per il relax estivo e una tribuna vegetale per i numerosi eventi all’aperto del museo.

L’allestimento prevede un doppio processo di riciclo: gli elementi naturali adottati torneranno alle loro sedi d’origine (paglia, acqua, prato); gli elementi ad alto contenuto tecnologico sono pensati per essere ricollocati come strutture di arredo fisso in altri luoghi della città: scuole, parchi limitrofi o periferie romane…

stARTT ha ideato, pertanto, non una dispendiosa soluzione temporanea, ma un impegno verso l’intero spazio urbano. Che, in senso generale, è apprezzabile  e qui condividiamo.

 Info:

Immagini: foto/ ph del cantiere, courtesy MAXXI; tutte le altre, Paolo Di Pasquale ©

Pubblicato su art a part of cult(ure), il 9 dsettembre 2011

 



Il tuo commento...


All content © Copyright 2017 by Paolo Di Pasquale.
Subscribe to RSS Feed – Posts or just Comments

Informativa Privacy

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Proseguendo la navigazione, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori Informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi